Macinare la farina in casa, quindi l’autoproduzione della farina, è importante per diversi motivi: produciamo farina fresca non raffinata; produciamo farina difficile da trovare al negozio sotto casa; produciamo farina per altri usi nutrizionali o funzionali alla ricetta.

Le farine alternative al grano non sono sempre reperibili nello scaffale del supermercato: farine di alcuni tipi di cereali, legumi, frutta secca, verdure essiccate ecc.

 

Esistono diverse tipologie di farine alternative al grano. Spesso la nostra dieta prevede solo piatti composti da farina di frumento estremamente raffinata. L’uso eccessivo di queste farine, ha portato all’insorgere di molte malattie legate all’alimentazione, come: glicemia, obesità e disfunzioni metaboliche. Le farine macinate a casa sono un ottimo modo per aggiungere i giusti valori nutrizionali alla vostra dieta. Spesso le farine confezionate del supermercato, sono spogliate di molte, se non di tutte, sostanze nutritive. Il processo di raffinazione elimina in alcuni casi, la parte che contiene fibre, proteine e sali minerali,  privilegiando invece solo i carboidrati.

farine alternative al grano

farina di farro, farina di riso venere, farina di lenticchie , farina di fave



La produzione di farina in casa non è soltanto una questione nutrizionale. Il costo delle farine confezionate risulta maggiore per quel tipo di farine speciali che troviamo negli scaffali. In più le farine andrebbero consumate in un breve periodo di tempo, per mantenere tutte le proprietà organolettiche tipiche del prodotto stesso. Quindi macinare la farina in casa risulta più pratico rispetto alla reperibilità, più efficace a livello nutrizionale e più economico per il nostro portafoglio.

Su questo blog stimoliamo l’impiego delle farine alternative al grano, quanto meno, per ridurre gli effetti negativi dell’uso delle farine raffinate con l’impiego miscelato. Sperimentare nuovi gusti e sapori unendo farine di origine diverse per formare nuove trame; sostituire una farina con altre per il gusto di sperimentare e stupire il palato. Sperimentare in cucina è sempre divertente!



ATTREZZATURA PER MACINARE LA FARINA IN CASA

Per cominciare a macinare la farina in casa, non è necessario trasformare la vostra cucina in un molino. Alcuni dei vostri elettrodomestici sono sufficienti per iniziare la sperimentazione. Un comune macina caffè, è ottimo per cominciare a sfarinare piccole quantità di semi e cereali. È pratico, veloce ed economico.

 

Alternativa comune a molte cucine è il frullatore a bicchiere, quello che serve per omogenizzati o frullati di frutta. Un food processor o robot da cucina potente può adattarsi tranquillamente alla produzione di farina fatta in casa. Non introducete più di 100-150gr per volta e ricordatevi di non superare i due minuti per sessione. Le lame del frullatore tendono a surriscaldarsi e in molti casi la temperatura altera i principi e le funzioni organolettiche della farina macinata. Pensiamo a mandorle e nocciole che cominciano a produrre olio. Setacciate per ottenere una farina più leggera che funziona meglio nelle ricette. Rimettere la parte rimasta più grossa nella successiva macina.

Con questo metodo possiamo ottenere: farina di fagioli, farina di fave, farina di piselli, farina di lenticchie e di molti altri tipi di legumi.

Se decidete di investire in un accessorio più performante e specifico allora non vi resta che scegliere dei modelli più robusti che permetteranno di produrre farine più comodamente e per quantitativi maggiori.