Polpette con farina di fave e pollo

da 21 Nov 2017Secondi0 commenti

Tra le originali ricette con farina di fave oggi proponiamo una alternativa per realizzare uno dei piatti che ci riporta tutti bambini. Polpette con farina di fave e pollo, una ricetta da realizzare in due tempi.

Ingredienti

Petto di pollo intero (circa 300gr)
100 gr di farina di fave
4 cucchiai di parmigiano
4 cucchiai di pane grattugiato
2 carote
1 cipolla
salvia, rosmarino
olio per frittura
sale e pepe

Preparazione

farine di legumi proprietà

FARINE DI LEGUMI PROPRIETÀ: 10 MOTIVI PER USARLE

Come fare la farina di fave in casa

Procuriamoci la farina di fave o, come ormai proponiamo da tempo nelle nostre ricette, auto produciamo la nostra farina con l’impiego di un macinino di caffè o robot. Introduciamo 100 gr di fave sgusciate e sfrariniamo per due minuti. La farina di fave è molto semplice da produrre in casa e si realizza in pochi minuti. Setacciamo la farina ottenuta e mettiamo una ciotola dove aggiungeremo l’acqua per formare una pastella densa. Regoliamo di sale e lasciamo riposare per 20-30 minuti, tempo necessario alla cottura del nostro petto di pollo che metteremo a bollire in una pentola con carote e cipolla



Al termine della cottura mettiamo il petto di pollo nel nostro frullatore e sminuzziamo con le verdure di cottura aggiungendo la pastella realizzata prima con la farina di fave. Lavoriamo poco i nostri ingredienti e riportiamo tutto nella ciotola. Aggiungiamo 4  cucchiai di pane grattugiato e i 4 cucchiai di parmigiano, pepe e altre spezie o erbe aromatiche come salvia o rosmarino. Impastiamo e comincia a realizzare le nostre polpette con farina di fave e pollo, disponendole in piatto. Se avete voglia potete passarle nuovamente nel pane grattugiato oppure friggere direttamente.



A questo punto avremmo già messo sul fuoco una padella con olio per fritture portandolo a temperatura. Friggiamo a fuoco deciso per due minuti poi diminuiamo la pressione del fuoco per completare in altri due minuti la cottura. Scolate bene su un foglio di carta assorbente e lasciamo raffreddare (sempre che la vostra curiosità vi porti a rispettare le norme di sicurezza)